Crema con 80% bava di chiocciola Cruelty free

 Helix Valdera: Allevamento di  chiocciole in Toscana

Gastonomia e agricosmesi 
crema  alla bava di lumaca
 in Toscana    e tanto altro                     

fig.1

fig.2

fig.3

fig.4

fig.5

fig.7

Preparazione e precottura


Ci sono molti metodi, questo è quello che utilizziamo noi, ed è quello con il quale ci siamo trovate bene. In vista di una cena tra amici, la classica chiocciolata, vi consigliamo di procedere alla precottura nei giorni precedenti, congelarle e toglierle qualche ora prima della cena dal freezer , così dovrete solo cucinarle secondo il vostro gusto e vi ritroverete con molto lavoro in meno. 

Fase 1

Appena tolte dalla rete, sciacquarle abbondantemente con acqua corrente e attendere che si risveglino(Fig.1), scartando quei soggetti che non lo fanno, tenendo conto che ogni chiocciola ha i suoi tempi;se impiegasse troppo tempo nel farlo, potete anche rompere con il dito l’opercolo(panello) e toccare la chiocciola scartandola se non dovesse reagire. Passare alla fase successiva.

Fase 2

Versate del'aceto bianco in acqua bollente salata(circa mezzo bicchiere) (fig.2) e Immergetevi le chiocciole (fig.3) per dieci minuti, asportate mano a mano, con una schiumarola(fig.4), le sostanze che affioreranno(fig.5). Ripetere l’operazione una o due volte, fino a quando l’acqua non risulterà limpida, scolarle e sciacquarle sotto l’acqua del rubinetto passandole tra le mani per asportarne le limosità.

Fase 3

Metterle a bollire una pentola capiente con acqua, sedano, carota e cipolla(fig.6)(la quantità è discrezionale, serve per insaporirle, dunque come per fare un brodo) ed immergetevi le chiocciole(fig.7-8). Cuocerle per 30 minuti circa, ora le chiocciole sono pronte per essere cucinate secondo i vostro gusto(in sugo, fritte, alla brace) o se preferite congelarle in comode porzioni.

fig.6

fig.8